Salta al contenuto

Avvenimenti

L'apertura della mostra archeologica: I segreti di Fizine
17. 12. 2021 L'apertura della mostra archeologica: I segreti di Fizine Con questa mostra desideriamo richiamare l'attenzione sull'importanza delle ricerche archeologiche subacquee, delle scoperte e delle relative interpretazioni, dei progressi nelle tecniche e nella metodologia di documentazione, della tutela dei monumenti archeologici e del patrimonio culturale in genere. A Fisine sono state ritrovate diverse migliaia di piccoli reperti che sono conservati presso il Museo del mare: una mostra permanente offre ai visitatori la possibilità di ammirarne diversi. Molti risultano apparentemente insignificanti, tuttavia la loro provenienza dalle coste del Mediterraneo orientale non è che un’ulteriore prova del fatto che il mare in questo territorio è quel fattore che unisce e rappresenta una finestra aperta sul mondo.
C'era una volta a Pirano un ponte levatoio
15. 10. 2021 C'era una volta a Pirano un ponte levatoio Martedì 28 settembre 2021 è stato presentato in conferenza stampa, presso l' Infocenter (spazio espositivo Monfort), il libro "C'era una volta a Pirano un ponte levatoio", edito dal Museo del mare "Sergej Mašera" Pirano. In serata la presentazione per un pubblico più vasto ha avuto invece luogo presso il Centro pastorale-culturale Georgios di Pirano. L'autore è il noto esperto di ponti Gorazd Humar che ha raccolto nel libro tutte le informazioni documentate sul vecchio ponte levatoio di Pirano . Vi sono state inoltre incluse anche delle ricostruzioni grafiche del ponte con l'ausilio della tecnica digitale realizzate da Danijel Rebolj.
Una spada dal mare
24. 09. 2021 Una spada dal mare La spada è stata rinvenuta fortuitamente in mare presso Strugnano alla fine di luglio del 2021 da Uroš Dernovšek, che ha consegnato il reperto al Museo del mare »Sergej Mašera« di Pirano. Le operazioni di conservazione sono state affidate alla conservatrice-restauratrice superiore Ajda Purger. Gli esami radiografici sono stati eseguiti presso il Dipartimento di Diagnostica per immagini dell'Ospedale ortopedico di Valdoltra e con il loro supporto siamo riusciti ad appurare che il nucleo metallico è ancora conservato e si notano anche resti del fodero.