Salta al contenuto

Sergej Mašera

Il 17 aprile 1941 Sergej Mašera e Milan Spasić persero la vita nell'affondare il cacciatorpediniere Zagreb nelle Bocche di Cattaro.

 

Sergej Mašera nacque l'11 maggio 1912 a Gorizia al padre Franc e alla madre Ida. Aveva un fratello, Marjan, e una sorella, Vida. Nel 1916, durante la guerra, la famiglia Mašera si trasferì da Gorizia a Lubiana, dove si stabilì permanentemente. A Lubiana Sergej frequentò la scuola elementare e il liceo scientifico che ultimò nel 1929.

 

Da alunno si occupò di diverse cose come nuoto, sci, pattinaggio... Fin da giovanissimo adorava le gite in montagna e ogni volta che ne aveva l'opportunità saliva sulle montagne slovene. Ancora alunno si innamorò anche del mare, che vide per la prima volta a Castel Muschio sull'isola di Veglia, durante una campeggio come membro degli scout.

 

 

Nel 1929, Sergej continuò gli studi all'Accademia nautica militare di Ragusa. A quel tempo nella società, i marinai erano rispettati e ammirati. La professione militare conferiva reputazione e un lavoro regolare, motivo per cui molti giovani sloveni sceglievano questo mestiere.

 

 

 

Nel Museo del Mare conserviamo molte lettere che Sergej scrisse ai famigliari durante gli studi e il servizio. Nelle sue lettere descrisse come erano vestiti i marinai, come si prendevano cura delle proprie uniformi, com'era la vita nell'accademia. Scrisse anche dei suoi viaggi nell'Adriatico, delle condizioni sulle navi, degli incidenti e di molti altri eventi.

 

 

 

Nel 1932 si laureò e intraprese la carriera come tenente di corvetta (piccola nave da guerra). Era interessato all'artiglieria e per questo motivo completò anche un corso di artiglieria nelle Bocche di Cattaro. Dopo l'addestramento (1936) fu trasferito al Comando della marina militare a Zemun, dove superò l'esame per tenente di vascello. Successivamente, fu inviato in Svezia come specialista di artiglieria navale poiché lì la Marina jugoslava stava acquistando dei cannoni per armare tre nuove cacciatorpediniere. Questo viaggio gli valse una grande stima tra i compagni di professione.

 

Nel 1939, Sergej fu promosso e divenne secondo ufficiale di artiglieria sul cacciatorpediniere Beograd. Vi prestò servizio fino al marzo del 1941, quando fu trasferito sul cacciatorpediniere Zagreb come primo ufficiale di artiglieria. Mentre era sullo Zagreb, nelle Bocche di Cattaro, scoppiò la seconda guerra mondiale. In seguito all'annuncio della capitolazione (sconfitta) dell'esercito jugoslavo, gli equipaggi ricevettero l'ordine di consegnare le navi, i sommergibili e gli idrovolanti al nemico in arrivo.

 

 

 

 

Su ordine del capitano, il 17 aprile 1941, l'equipaggio del cacciatorpediniere Zagreb abbandonò la nave. Sulla nave restarono soltanto i tenenti di vascello Sergej Mašera e Milan Spasić. Per evitare che la nave finisca nelle mani della marina italiana occupatrice, preferirono farla saltare in aria e persero la vita. Più tardi, per questo atto eroico, furono proclamati eroi nazionali jugoslavi.

 

Tante altre informazioni interessanti sulla vita di Sergej Mašera sono disponibili nel libro intitolato Gorelo je morje (Il mare era in fiamme) scritto da Nadja Terčon.

 

Trova le parole!