Salta al contenuto

Laboratorio marittimo del sabato mattina - topo istriano di carta

Nell'ambito del pluriennale progetto europeo Piccola barca 2, il Museo del mare ha costruito una baca di legno. I visitatori hanno avuto l'opportunità di seguire l'intero processo di costruzione della barca nell'ex magazzino di sale di Monfort a Portorose.

 

Da luglio 2018 a marzo 2019, i maestri d'ascia hanno realizzato una replica di un'imbarcazione tradizionale, il topo istriano. Il museo ospita anche una nave originale di questo tipo, che un tempo navigava nel golfo di Pirano.

 

 

 

Il topo istriano era una delle piccole barche da pesca più semplici e comuni nelle città costiere slovene e circostanti, con le quali i pescatori pescavano nelle baie chiuse. Rispetto al topo veneziano o al topo di Chioggia, la versione istriana del topo era di costruzione un po' più solida. La costa istriana infatti non dispone di aree sicure e protette dalle intemperie come le lagune e i canali tra Chioggia, Venezia e Grado.

 

 

 

 

Il topo istriano è lungo da 8 a 12 metri, ha fondo piatto, poco pescaggio e una poppa ampia e arrotondata. Come tutte le navi a fondo piatto, è dotato di un grande timone che si estende in profondità sotto il fondo piatto. Il timone dispone di speciali raccordi che consentono di alzarlo durante la navigazione in acque basse come ad es. nei canali delle saline. Il topo è dotato di uno, raramente due alberi. La velatura può comprendere una vela trapezoidale di oltre 40 m2 e una più piccola vela a prua.

 

 

 

Questa volta proveremo a costruire un modellino di topo istriano di carta.

 

 

ISTRUZIONI

Per costruire un modello di topo istriano con la carta, abbiamo bisogno di forbici, colla per carta, un bastoncino di legno e un pezzo di sughero alto 2 cm. Se vogliamo dipingere il modello, abbiamo anche bisogno dei pastelli.

 

 

Prima del montaggio leggere attentamente le istruzioni!

Meglio di tutto è stampare il modello su carta di formato A3. Se si stampa il modello in un formato più piccolo, la costruzione sarà più impegnativa. Per la costruzione del modello è preferibile utilizzare carta più dura, come ad esempio carta da disegno o carta schoellershammer.

 

• Se decidiamo di colorare il modello della barca è bene farlo prima di tagliare la carta.

 

• Innanzitutto, ritagliare con cura le singole parti della barca disegnate su carta rigida. Tagliare con particolare cura le linguette, che sono contrassegnate da una linea più sottile e sono necessarie per collegare le singole parti della nave.

 

• Piegare tutte le linguette lungo il bordo del fondo della barca su entrambi i lati. Per piegare le linguette usare un righello o un coltello spuntato.

 

 

• Con l'aiuto delle linguette incollare i bordi della barca sul fondo. Incollare i bordi in modo che la parte disegnata sia rivolta verso l'esterno della barca. Iniziare l'incollaggio nella parte anteriore, a prua. Piegare le linguette nella parte anteriore verso l'interno e incollarle insieme in modo da formare la prua.

 

 

• Posizionare le due linguette più grandi dei bordi uno sopra l'altro sulla poppa della barca e quindi incollare sopra di essa la parte di poppa che è attaccata al fondo della barca.

 

 

• Incollare un pezzo di sughero sul cerchio contrassegnato nella parte inferiore dello scafo.

• Praticare un buco nel ponte nel punto segnato.  

 

 

• Piegare le linguette lungo i bordi del ponte verso l'alto. Fissare il ponte sui lati interni della barca in modo che il ponte sia di alcuni millimetri (per l'altezza delle linguette) più basso dei lati dei bordi.

 

 

 

• Incollare entrambe le parti della poppa in modo che il disegno sia visibile su entrambi i lati. Le linguette della poppa vanno piegate una a sinistra e l'altra a destra e incollate sulla poppa della barca.         

 

 

• Incollare entrambe le parti della vela in modo da poter vedere il disegno da entrambe le parti. Per l'albero, utilizzare un bastoncino di legno e incollarlo all'interno delle due parti che formano la vela. Spingere l'albero attraverso il foro nel ponte e fissarlo in un pezzetto di sughero che prima avevamo incollato sul fondo interno della barca.